La famiglia Pamphilj

Ritratto di Papa Innocenzo X (Giovanni Battista Pamphilj) di Diego Velazquez nella Galleria Doria Pamphilj

Famiglia romana, le cui origini pare debbano farsi risalire a un certo Amanzio, cavaliere carolingio stabilitosi a Gubbio nel se. IX ebbe alcuni suoi membri che parteciparono alla I crociata (sec.XII).

La fama e la fortuna della famiglia iniziò comunque con il trasferimento a Roma di Iacopo e Francesco, i quali ottennero il titolo di conti del Sacro Romano Impero. Ma l’apice dell’affermazione sociale della famiglia è il momento in cui il Cardinale Giovanni Battista diventa nel 1644 papa con il nome di Innocenzo X.

Brima di lui un altro membro della famiglia aveva raggiunto la dignità cardinalizia, Girolamo Pamphilij (1545-1610), amico e devoto di San Filippo Neri. Al fianco di Innocenzo X, si prodigarono per dare lustro alla famiglia, suo fratello Pamphilio, abile diplomatico presso la corte del Granduca di Toscana e sua moglie Olimpia Maidalchini. Il figlio di Pamphilio e Olimpia, Camillo, fu cardinale nipote sotto Innocenzo X, ma rinunciò alla porpora per sposare la vedova di Paolo Borghese Olimpia Aldobrandini (1647)

Monumento funebre a Papa Innocenzo X (Giovanni Battista Pamphilj) di Giovan Battista Maini (1729)

Alla munificenza di Camillo, reso più ricco dai beni dotali della moglie, si deve la costruzione dell’omonima villa sul Gianicolo. Tra i figli di Camillo ed Olimpia è soprattutto il cardinale Benedetto, amico di Corelli e Haendel, a perpetuare la tradizione di interesse per la cultura e di protezione accordata agli artisti.

La famiglia si estinse nel 1760 con la morte di un altro cardinale Camillo, ultimo erede maschio. I beni della famiglia passarono ai Doria-Pamphij Landi , tenuto conto che nel 1671, Anna, figlia di Camillo e Olimpia, aveva sposato il patrizio genovese Giovanni Andrea Doria III Landi, discendente dal celebre ammiraglio Andrea Doria.